mercoledì 31 ottobre 2012

Resistina: scoperta la proteina causa dell'accumulo di colesterolo-LDL epatico


Ad identificarla sono stati Shirya Rashid e colleghi della McMaster University (Hamilton, Canada). Gli effetti della sua presenza sono stati descritti da Rashid durante il Canadian Cardiovascular Congress, in corso in questi giorni a Toronto.
La resistina aumenta la produzione del colesterolo cattivo – noto anche come LDL – da parte del fegato e, allo stesso tempo, degrada i recettori per l'LDL presenti nell'organo, impedendogli, così, di eliminare il colesterolo cattivo in circolo. Di conseguenza, l'LDL si accumula nelle arterie, dove causa aumento del rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari. Contrasta anche l'azione delle statine, farmaci di elezione per la riduzione del colesterolo.
“La più grande implicazione dei nostri risultati è che alti livelli di resistina nel sangue potrebbero essere la causa dell'incapacità delle statine di abbassare i livelli di colesterolo LDL nei pazienti”, ha spiegato Rashid, secondo cui ben il 40% delle persone che assumono questi farmaci non ne traggono i benefici attesi. Questa scoperta potrebbe, però, portare allo sviluppo di nuovi medicinali in grado di inibire la resistina e aumentare, così, l'efficacia delle statine.
 Gli esperti ricordano che i farmaci non sono l'unico rimedio contro l'aumento del rischio cardiovascolare dovuto all'accumulo di colesterolo nelle arterie. Anche la cura dell'alimentazione e l'attività fisica giocano un ruolo importante.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)