lunedì 30 gennaio 2012

SALUTE: analisi del sangue per il menisco "rotto"


Un semplice esame del sangue potrebbe dire se c’è o meno una rottura del menisco e quindi evitare interventi chirurgici inutili. Ricercatori americani guidati da Gaetano Scuderi della Stanford University hanno scoperto che in presenza di dolorose lesioni meniscali si forma un particolare complesso proteico, candidato a diventare la “spia” che certifica la rottura reale e quindi l’operazione. Lo studio è pubblicato sul Journal of Bone and Joint Surgery. I menischi sono mezzelune cartilaginee essenziali al movimento del ginocchio. Oltre ai traumi, i problemi sopraggiungono anche con il lento deterioramento naturale.
Tuttavia capire se il dolore al ginocchio di un paziente nasce dalla rottura del menisco o al contrario da una comune artrite o da altri tipi di lesioni è spesso complicato anche attraverso radiografie e risonanze magnetiche.
Nello studio, gli studiosi hanno scoperto che in 30 pazienti con rottura del menisco si era accumulato nel ginocchio un composto formato da molecole proteiche di fibronectina e aggrecano, che non era presente in 10 pazienti senza sintomi. "La difficoltà sta nel trovare i marcatori che si associano a lesioni dolorose, a differenza di degenerazioni legate all'età che sono indolore”, commenta Scuderi.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)