lunedì 30 gennaio 2012

NUTRIZIONE: frittura salva-cuore..se fatta con un buon olio d'oliva o di girasole

La ricerca, pubblicata sul British Medical Journal, ha messo sul piatto diversi tipi di cottura, esaminando le abitudini di oltre 40.000 persone tra 29 e 69 anni di età in un arco temporale di ben 11 anni. Tutti i partecipanti hanno svelato quanto e cosa mangiavano e, ovviamente, i ricercatori hanno cercato di scoprire quante volte facessero ricorso alla frittura, che in Spagna è un metodo di cottura molto frequente, a cominciare dal pesce.

A salvare le arterie degli spagnoli sarebbero le materie prime della dieta mediterranea, olive e semi di girasole. Infatti, la frittura fa guadagnare molti punti in calorie alle pietanze, che finiscono per pesare in particolare su colesterolo, obesità e ipertensione. Ma non sempre è così. Con grassi solidi come quelli animali o riutilizzati, infatti, il rischio è molto più alto, mentre con olio di oliva e di girasole, ha dimostrato lo studio, si riduce moltissimo. I soggetti studiati non mostravano segni di malattie cardiache all’inizio dello studio. In 11 anni i morti per problemi cardiovascolari sono stati in tutto 1.134, gli eventi che hanno chiamato in causa cuore e arterie circa 600. Dati che, secondo Pilar Guallar-Castillon, mostrano chiaramente che “dove grandi quantita' di cibi fritti sono consumati sia dentro sia fuori casa, non è stata osservata alcuna associazione tra il consumo di cibi fritti e il rischio di malattia coronarica o di morte”.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)