lunedì 28 novembre 2011

I SOGNI FANNO EVAPORARE I BRUTTI RICORDI


I ricercatori dell'Università della California di Berkeley hanno dimostrato che durante la fase REM del sonno (quella in cui si sogna) i circuiti cerebrali dello stress si spengono, permettendo al cervello di processare le esperienze emotive. Lo studio che ha portato a questa scoperta, pubblicato su Current Biology, offre la prima spiegazione sulla funzione del sonno REM e potrebbe aiutare chi soffre, ad esempio, di disturbo da stress post traumatico.
L'attività cerebrale di 35 giovani adulti è stata monitorata durante la visione di immagini emozionali che sono state fatte visualizzare due volte: metà dei partecipanti ha osservato le immagini la prima volta al mattino e la seconda di sera, mentre l'altra metà dei volontari le ha visualizzate la prima volta di sera e la seconda volta il mattino seguente, dopo aver dormito.

Gli autori hanno dimostrato che dormire tra una visione e l'altra riduce la reazione emotiva alla seconda visione delle immagini e attenua l'attività dell'amigdala, l'area cerebrale che processa le emozioni. Inoltre durante la fase REM i livelli di norepinefrina – molecola associata allo stress – si riducono. Secondo Matthew Walker, responsabile della ricerca, la fase REM “ci offre una sorta di terapia notturna, un balsamo lenitivo che rimuove i bordi taglienti delle esperienze emotive del giorno precedente”. E al risveglio “ci sentiamo meglio e pensiamo di potercela fare”.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)