mercoledì 30 novembre 2011

PARKINSON: IN ITALIA I MALATI SONO 200 MILA

Sotto il segno dei pazienti affetti dalla malattia di Parkinson, il cui identikit sfugge ancora alle migliaia di scienziati che in tutto il mondo sono sulle tracce di una terapia, farmacologia o genetica.
“La qualità di vita dei pazienti è l’obiettivo principale per cui stiamo lottando - ha affermato Ubaldo Bonuccelli, presidente Limpe – e grazie alla ricerca oggi è possibile raggiungere questo obiettivo. In questo senso abbiamo predisposto un importante Progetto di Ricerca che verrà sviluppato insieme a Dismov-Sin, allo scopo di verificare l’efficacia di un protocollo riabilitativo sperimentale nella prevenzione delle cadute dei pazienti affetti da Malattia di Parkinson".
Si stima che in Italia siano tra 150 e 200 mila i soggetti affetti da Parkinson e altri 50.000 i pazienti con un parkinsonismo; nella maggior parte dei casi la malattia si manifesta attorno ai 60 anni, ma in un 10 per cento di persone i sintomi compaiono prima dei 40 anni.
L’obiettivo di molti studi negli ultimi 20 anni è modificare il decorso della malattia - rallentandone l’evoluzione. Una delle nuove frontiere della medicina è lo sviluppo di farmaci che hanno lo stesso effetto neuroprotettivo di alcune sostanze esistenti in natura – come il tabacco o il caffè - che inibiscono gli enzimi che danneggiano i neuroni.
Va in questa direzione PPMI (Parkinson’s disease Progression Marker Initiative) finanziato dalla Fondazione dell’attore Michael J. Fox. “L’obiettivo della ricerca è studiare i malati nelle primissime fasi della malattia e per 5 anni per individuare i marcatori della degenerazione e i possibili bersagli delle terapie", ha spiegato Barone, neurologo del Centro per le malattie neurodegenerative (Cemand) dell’Università di Salerno tra le 23 istituzioni internazionali, 18 negli Usa e 5 in Europa, selezionate per partecipare al progetto.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)