giovedì 7 luglio 2011

SVELATO IL GIOCO DELL'ALCOL


L'alcol interagisce con alcune proteine cerebrali tramite specifiche interazioni con aminoacidi presenti nella loro struttura, in modo riconducibile a quello con cui agiscono le droghe. A giungere a questa conclusione sono gli esperti riunitisi al congresso annuale della Research Society on Alcoholism di San Antonio (Stati Uniti). Per anni si è pensato che l'alcol agisse dissolvendo le membrane dei neuroni, ma «ora ci sono forti evidenze dell'esistenza di proteine bersaglio». Rebecca Howard dell'Università del Texas (Stati Uniti) ha spiegato che «uno dei maggiori problemi nello studio del legame tra l'alcol e le proteine cerebrali è che ha una bassa affinità di legame con i residui aminoacidici delle proteine in questione».
In poche parole, «mentre chi fa uso di cocaina o eroina può assumerne pochi milligrammi alla volta, chi beve consuma una quantità circa mille volte maggiore di alcol, cioè grammi”.
Sapere che esiste un'interazione specifica permetterà di comprendere l'azione farmacologica dell'alcol a livello molecolare, identificare proteine bersaglio e sviluppare farmaci selettivi per i siti di legame.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)