mercoledì 8 giugno 2011

SALUTE: GLI ERRORI QUOTIDIANI CHE DANNEGGIANO IL CORPO. ECCO ALCUNI CONSIGLI

Gli esempi si sprecano: la doccia di ogni giorno si può trasformare in un attentato all’equilibrio dell'epidermide. Parola degli esperti interrogati dal Daily Mail che ha compilato un elenco delle azioni più comuni destinate a rivoltarsi contro di noi.
Docce “bollenti” - “L’utilizzo di acqua troppo calda in combinazione con saponi troppo aggressivi può privare la pelle dei sottili strati di grasso che la proteggono dalle aggressioni esterne, provocando secchezza cutanea, screpolature e persino infezioni. "Ci si lava troppo e male”, sentenzia il dermatologo londinese Nick Lowe.
Capitolo SONNO: Se otto ore son troppe - Agitati perché non si riesce a dormire otto ore di fila? È un falso problema, Jim Horne, esperto di Medicina del sonno, che rischia di rovinare la vita a molti. Otto ore di sonno notturno sono una “convenzione moderna”, dice il medico, che molti vivono come un dramma.
“Un sonnellino di 15 minuti in altri orari della giornata - spiega Horne - fa bene quanto un’ora in più di sonno”. Se ci si sveglia di notte all'improvviso e non riesce di riaddomentarsi, non ostinarsi. Meglio alzarsi, leggere un buon libro o fare un cruciverba.

IGIENE ORALE: Spazzolino senza sciacqui - Sciacquare la bocca dopo aver pulito i denti rischia di vanificare l’opera di igiene. Con l’acqua, infatti, finisce nello scarico anche il rivestimento di fluoro lasciato dal dentifricio a protezione dello smalto. Altro errore: lavare i denti subito dopo i pasti. Bisogna lasciare che zuccheri e acidi si attacchino ai molari altrimenti si raschia via solo lo smalto. Il consiglio? Meglio lavare i denti prima dei pasti e rinfrescarsi dopo con un colluttorio senza alcol.
Un pit-stop pericoloso - Non lo diranno mai nelle scuole di bon-ton, ma i water sembrano disegnati per provocare le emorroidi. Uno studio israelinao pubblicato sulla rivista Digestive Diseases and Sciences assicura che l’innaturale posizione a cui siamo costretti nelle toilette non è la più comoda in assoluto per i nostri intestini. Per chi ha problemi di diverticolite, consiglia Charles Murray della Società britannica di Gastroenterologia, meglio porre un piccolo sgabello sotto i piedi: la posizione accovacciata è infatti più "sicura".
Respirare come i bambini - Più si cresce più il respiro “invecchia”. Colpa della predisposizione degli adulti a respirare con il torace piuttosto che con la pancia, come i bambini. Un errore a danno dei polmoni. La respirazione toracica non favorisce il ricambio d’aria nei polmoni, nei cui strati inferiori ristagna l’aria più impura e umida, un pericolo per le infezioni. La respirazione di pancia facilita l’espulsione. È possibile allenare il corpo a eseguirla correttamente. Bastano pochi esercizi ogni giorno, immaginando di avere un pallone tra ombelico e costole e di doverlo spingere all’infuori.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)