martedì 7 giugno 2011

NEL TRAFFICO GLI UOMINI 7 VOLTE PIU' STRESSATI DELLE DONNE

Aggressività, ansia e stress: bastano 20 minuti nel traffico perché gli effetti si facciano sentire sulla salute dei automobilisti. A risentirne sono soprattutto i maschi e molto più delle donne, più propense alla rassegnazione e all’accettazione. Ingorghi e code pesano sulla condizione psico-fisica dei cittadini tanto da essere considerate più stressanti della seduta dal dentista: sono i risultati di una ricerca realizzata dall'istituto di ricerca inglese ICM Research per conto di TomTom, che ha visto coinvolte 9.865 persone tra i 18 e i 64 anni di 11 Paesi europei.
La prima parte dello studio condotta da David Moxon, psicologo della salute, oltre a dimostrare che bastano 20 minuti nel traffico per far aumentare i livelli di stress negli automobilisti, e che gli uomini hanno mostrato un aumento 7 volte superiore rispetto alle donne, ha anche messo in evidenza che una prolungata esperienza nel traffico produca una diminuzione delle funzioni immunitarie, innalzamento della pressione sanguigna e del tasso glicemico.
Dal punto di vista fisico le conseguenze possono riguardare vertigini, difficoltà respiratorie, dolori muscolari e mal di pancia, mentre sul fronte psicologico si possono riscontrare agitazione e riduzione della capacità di guidare.
Dall'indagine emerge che otto italiani su dieci affermano di passare quotidianamente del traffico più di 30 minuti della loro giornata. Per il 35% lo stato d’animo prevalente è di rassegnazione, mentre il 30% si dice esplicitamente stressato. Un italiano su tre (30%) mette il traffico al primo posto in assoluto in quanto fonte di stress, più della seduta dal dentista (27%), del rientro dalle vacanze (14%) e del proverbiale pranzo coi suoceri.
La cosa che più  fa arrabbiare gli italiani è proprio la percezione di buttare il proprio tempo (50%), più dei soldi sprecati in carburante (9%), del fatto di non capire la causa del traffico (15%) o dell’eterna condanna ad arrivare in ritardo (19%). Come impiegare il tempo speso in auto? C’è chi si limita a parlare con chi si trova intrappolato nella stessa macchina (17%), chi mangia o beve (8%) e chi si trucca (13%). Un italiano su tre parla al telefono (35%), ma la  maggior parte ricorre al potere calmante della musica: l’85% degli intervistati infatti sostiene che sia proprio questo l’unico modo per contrastare l’effetto del traffico su nervi e umore.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)