mercoledì 25 maggio 2011

CARNE ROSSA: 100 GRAMMI AL GIORNO AUMENTANO IL RISCHIO TUMORE INTESTINALE DEL 17%

A sostenerlo è il Continuous Update Project (CUP), il più grande studio mai condotto sull'argomento, parte di un progetto più ampio realizzato dal Word Cancer Research Fund (WCRF) in collaborazione con l'American Institute for Cancer Research’s (AICR). Il CUP conferma i rischi per l'intestino legati al consumo di carni rosse e che una dieta a base di fibre sia protettiva contro lo stesso tipo di tumore.
Il rischi aumenta fino al 36% con il consumo di carni lavorate, cioè quelle il cui processo di produzione prevede di affumicare, salare o aggiungere conservanti per il mantenimento a lungo termine dell'alimento: tutti gli insaccati, alcuni tipi di salsicce e i wurstel rientrano in questa categoria.
“ Il messaggio che emerge dalla relazione - spiega Alan Jackson dell’University of Southampton (Regno Unito), che ha guidato il CUP - è che la carne rossa e gli alimenti trasformati a base di carne aumentano il rischio di cancro all'intestino. Per questo tutti coloro che vogliono ridurre il rischio di contrarre la patologia dovrebbero prendere in considerazione l'ipotesi di ridurne le quantità”.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)