giovedì 7 aprile 2011

STOP AL FUMO: VIA LE MARCHE DAI PACCHI DI SIGARETTE

Il governo di Canberra annuncia una dura campagna anti-tabacco: confezioni olivastre e tutte uguali

L'Australia, dove già vige una legislazione antifumo fra le più severe, diverrà la prima nazione al mondo a imporre che sigarette e sigari siano venduti in pacchetti «deterrenti», senza marca e di colore olivastro.
Il ministro della Sanità Nicola Roxon ha divulgato oggi la proposta di legge che mira, ha detto, a ridurre le morti causate dal fumo, 15 mila all'anno nella sola Australia, e il costo per la comunità, di circa 31,5 miliardi di dollari l'anno (circa 22,5 miliardi di euro). «La normativa rappresenta un primato mondiale e manda un chiaro messaggio che il fascino del fumo è finito. I pacchetti mostreranno ora solo la morte e le malattie causate dal fumo», ha detto Roxon, aggiungendo che «i nuovi pacchetti sono stati concepiti per essere il meno attraenti possibile e per mostrare chiaramente i terribili effetti che il fumo può avere sulla salute».

Roxon ha assicurato che il governo non si farà intimidire dalle azioni legali minacciate dalle «grandi compagnie del tabacco», dopo che la British American Tobacco Australia, le cui marche includono Winfield, Dunhill e Benson & Hedges, ha annunciato che chiederà risarcimenti per miliardi di dollari. «Crediamo di avere una base legale molto forte e non permetteremo che la lobby del tabacco ci impaurisca con azioni legali», ha detto. La proposta di legge sarà introdotta in parlamento dopo 60 giorni di consultazioni pubbliche e secondo i piani dovrebbe entrare in vigore all'inizio 2012. (Fonte Ansa)

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)