mercoledì 13 aprile 2011

SALUTE: UN BICCHIERE DI VINO ROSSO EVITA I DANNI DEI PASTI PESANTI

Protegge dalla circolazione nel sangue di grassi "degenerati"; lo sostiene uno studio italiano dell'Inran, l’ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti e nutrizione pubblicato sul British Journal of Nutrition.
I ricercatori italiani, in collaborazione con il Centro ricerca e innovazione della Fondazione Edmund Mach- Istituto Agrario di San Michele all’Adige e con il Dipartimento di Scienze Biochimiche dell’Università Sapienza di Roma, hanno condotto uno studio pilota per valutare la capacità del vino rosso di ridurre l’aumento nel sangue dei grassi ossidati dopo un pasto molto ricco.
Nello studio, effettuato su un campione di 12 volontari sani, 6 uomini e 6 donne, tra 24 e 35 anni, è stato richiesto di mantenere la dieta abituale e di non prendere medicine o supplementi vitaminici. I soggetti, hanno mangiato un doppio cheeseburger di 200g con 300ml di acqua. Dopo 2 settimane l’esperimento è stato ripetuto e il pasto è stato accompagnato con 300 ml di vino rosso.
 “Dai dati dello studio– afferma Fausta Natella, ricercatrice Inran che ha condotto lo studio – è emerso che il consumo di vino rosso durante il pasto ha prevenuto l’aumento nel sangue dei prodotti di perossidazione lipidica, sia lipidi idroperossidi che ossidi del colesterolo, che si è osservato invece dopo il consumo del pasto con acqua. Questi composti possono avere effetti negativi sulla salute”.
"Siamo continuamente esposti all’azione di agenti ossidanti che si trovano sia nell’ambiente che in ciò che mangiamo e noi possiamo contribuire con una dieta appropriata cioè scegliendo sia alimenti capaci di generare poche scorie ossidate (quindi soprattutto alimenti poveri in grassi) sia alimenti ricchi di antiossidanti (come frutta e verdure) di contrastarne l'effetto. Il vino rosso, se rappresenta una fonte piuttosto ricca di sostanze antiossidanti è anche una fonte importante di alcol, che invece è tossico per l’organismo. Per questi motivi è fondamentale ribadire le parole chiave per il consumo di vino: moderazione e modalità di consumo, cioè esclusivamente durante i pasti”.

3 commenti:

  1. Ci sarà un motivo perchè mio nonno ha vissuto alla grande fino a 93 anni.
    Un bicchiere di vino rosso a pranzo, uno a cena!

    RispondiElimina
  2. aveva già scoperto l'elisir della giovinezza!

    RispondiElimina
  3. complimenti, 93 anni, arrivarci....

    RispondiElimina

Grazie per aver commentato ;)