giovedì 7 aprile 2011

LA GOLOSITA' E' GENETICA


È più di un languore per qualcosa di buono, molto di più della “voglia” che prende chi è in attesa di un bambino. Secondo i ricercatori dell’Università di Goteborg, in Svezia, chi ha sempre desiderio di dolci potrebbe essere sotto scacco di un gene che funziona troppo e male. Dopo aver eseguito l’analisi di 579 persone, è emerso che gli individui "portatori" di una modifica del gene che controlla la grelina, ormone regolatore dell’appetito, sono maggiormente attratti dai dolciumi, dai cibi ricchi di zuccheri e persino dall’alcol.
In una ricerca parallela condotta sperimentalmente, i topi a cui era stata bloccata la produzione di grelina “snobbavano” gli alimenti zuccherini. "Ciò dimostra che la grelina funziona come un pilota forte quando si tratta di rintracciare sostanze gratificanti come lo zucchero o l’alcol”, sostiene Elisabet Jerlhag, ricercatrice dell’Accademia Sahlgrenska, tra gli autori dello studio.


Il ruolo della grelina è noto da tempo. Quando i suoi livelli aumentano si attiva un meccanismo di ricompensa nel cervello, determinando un incremento della motivazione nella ricerca di cibo. Altri studi hanno già legato questo meccanismo a molte dipendenze, non solo dal cibo, ma anche da sostanze stupefacenti e alcol. Sono state già sperimentate terapie che agiscono direttamente nei confronti dell’ormone per ridurre l’assuefazione alle droghe e curare l’alcolismo. “Questi studi aiutano la società a riconoscere le dipendenze come una malattia - dice Jerlhag - e quindi aiutano queste persone ad avere le cure necessarie più facilmente”.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)