giovedì 14 aprile 2011

CELIACHIA IN GRAVIDANZA: SCOPRILA COSI'


Diarrea e pancia gonfia potrebbero essere segnali di celiachia. Ma anche un mal di testa inspiegabile o altri disturbi potrebbero essere sintomi di questa malattia.




La celiachia è un'intolleranza al glutine di origine genetica, caratterizzata da una reazione immunitaria a una proteina presente in molti cereali, il glutine, che porta a infiammazione cronica intestinale con danno alla mucosa e scomparsa dei villi intestinali. In Italia i casi accertati risultano essere circa 80 mila.
«Studi recenti mostrano una correlazione tra celiachia non diagnosticata e aumento degli aborti spontanei - spiega il Professor Carlo Catassi, Professore Associato di Pediatria, Università Politecnica delle Marche di Ancona. La percentuale in una donna sana si aggira intorno al 10%, in una donna celiaca non diagnosticata e non trattata, tale percentuale può raddoppiare. Il dato confortante è però che se la
donna celiaca è in dieta priva di glutine, il rischio di aborto torna a essere pari a quello di una donna sana».
Altri problemi che potrebbero insorgere per la neo-mamma con una celiachia non diagnosticata sono: parto pretermine, ridotto peso del neonato alla nascita, diminuzione della durata del periodo di allattamento.
I campanelli d'allarme sono soprattutto disturbi gastrointestinali come diarrea, dolori

addominali e gonfiore intestinale, ma la celiachia si può presentare anche con sintomi atipici come anemia, osteopenia, cefalea, artriti e artralgie, alterazioni dello smalto dentario, alopecia, dermatite erpetiforme, ecc.
Nel caso in cui tali sintomi, tipici o atipici, dovessero presentarsi, è quindi fondamentale pensare alla malattia celiaca e cercarla.

I soggetti celiaci presentano nel proprio sangue degli anticorpi che si possono determinare attraverso un semplice prelievo ematico. In caso di positività occorrerà confermare il sospetto mediante un esame istologico dei villi intestinali che verrà effettuato tramite una EGD-scopia.
È importante sottolineare che è bene iniziare una dieta aglutinata solo dopo gli accertamenti, al fine di non inficiarne i risultati: con la dieta priva di glutine si assiste infatti a una progressiva negativizzazione degli anticorpi e a una normalizzazione della mucosa duodenale».
Di fronte a questi disturbi il ginecologo dovrebbe sospettare una possibile celiachia e richiedere, oltre agli esami specifici per i sintomi in questione, anche il dosaggio degli anticorpi che marcano l'intolleranza. 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato ;)