giovedì 31 marzo 2011

SALUTE: IL CACAO PROTEGGE LE ARTERIE


Abbassa la pressione sanguigna, migliora la salute di vene e arterie, diminuisce la quantità di colesterolo-Ldl (per intendersi, quello "cattivo") e aumenta quella di colesterolo Hdl (quello "buono")  ed è in grado anche di abbassare il pericolo di sviluppare il diabete di tipo 2, sempre più diffuso a causa dell'allungarsi dell'aspettativa di vita e dell'aumentare dell'invecchiamento della popolazione: il merito è tutto del cacao e dei flavonoidi in esso contenuti. 
A sostenerlo è un gruppo di studiosi dell'Harvard Medical School (Usa) guidato da Eric Ding che ha comparato i risultati ottenuti da 21 studi differenti, per un totale di 2575 soggetti esaminati, da cui emerge che i particolari antiossidanti contenuti nei semi della pianta di cacao hanno tutte le carte in regola per prevenire le malattie cardiache. La ricerca è stata presentata ad Atlanta, in Georgia (Usa) durante il "Nutrition, Physical Activity and Metabolism/Cardiovascular Disease Epidemiology and Prevention", edizione 2011.

IL TE' IDRATA COME L'ACQUA: BASTANO 4-6 TAZZE AL GIORNO


T_
La bevanda da meditazione è un ottimo sostituto dell'acqua per mantenere idratato l'organismo. Con 4-6 tazze dell'infuso si apporta l'equivalente di un litro d'acqua, senza effetti collaterali, affermano gli studiosi britannici in una ricerca pubblicata sul British Journal of Nutrition.


LO STUDIO: I ricercatori hanno testato il confronto con 21 volontari che, divisi in due gruppi, hanno assunto

AIFA: OK TAGLIO PREZZI FARMACI GENERICI

A partire da meta' aprile e' previsto un taglio del prezzo dei farmaci generici fuori brevetto fino al 40%. La misura -anticipa il Sole 24 Ore- riguardera' 4.188 prodotti e portera' un risparmio per lo Stato di 830 milioni di euro all'anno.Solo nel 2011 si stima un risparmio di 625 milioni di euro.Il via libera ai tagli e' arrivato dal Consiglio di amministrazione dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa).Per il presidente della Farmindustria, Sergio Dompe', diventa ineluttabile produrre altrove.

SPORT: IL PARCO BATTE LA PALESTRA. L'ARIA APERTA ALLEVIA LO STRESS


Sport, il parco batte la palestra L'aria aperta allevia lo stress
Aiuta a combattere l'ansia, dona energia e buonumore. Lo sport è un toccasana ma, per ottenere il massimo del risultato da una sessione di esercizi è meglio allenarsi all'aria aperta che in palestra. La conferma sugli indiscussi benefici dell'attività fisica arriva da ricerca inglese pubblicata su Environmental Science and Technology'. Con un po' di movimento si scarica la tensione muscolare, che dà una sensazione di malessere al soggetto, e si stimola la produzione di endorfine, i cosiddetti ormoni della felicità, che promuovono una sensazione di benessere per il corpo e per la mente. Ma, dopo aver analizzato e incrociato i dati di undici studi sull'argomento, gli esperti non hanno dubbi e aggiungono: le persone che preferiscono il parco al tapis roulant possono beneficiare maggiormente degli indiscussi effetti positivi del movimento.

CUORE NUOVO DOPO TRE ANNI AL POSTO DI QUELLO ARTIFICIALE

L'operazione all'ospedale San Camillo di Roma. E' la prima volta in Italia. L'intervento su un uomo di 40 anni che da tre viveva grazie a un "cuore artificiale totale"

L'intervento è stato eseguito da Francesco Musumeci, direttore della Cardiochirurgia e del Centro Trapianti di cuore dell'ospedale San Camillo e dalla sua equipe.
Il paziente era affetto da cardiomiopatia dilatativa idiopatica con un quadro clinico di grave scompenso cardiaco refrattario a terapia medica ed era in lista di attesa per trapianto di cuore. Successivamente, le condizioni cliniche del paziente erano precipitate all'improvviso ed era stato ricoverato presso il Centro Trapianti di Cuore del San Camillo. Nonostante le cure intensive, le condizioni cliniche si erano ulteriormente aggravate con la comparsa di insufficienza renale ed epatica, e si era deciso di impiantare un cuore artificiale totale come unica soluzione terapeutica per stabilizzare le condizioni cliniche del paziente, in attesa di un trapianto di cuore.
Dopo l'intervento, l'uomo aveva mostrato un eccellente recupero clinico ed era stato dimesso in attesa che un cuore si rendesse disponibile per il trapianto. Aveva goduto per più di due anni di assoluta indipendenza e di buona qualità di vita. Il dispositivo non aveva mai presentato difetti di funzionamento durante l'intero periodo di supporto né si erano presentati eventi avversi correlati alla macchina.

IBUPROFENE: RIDUCE IL RISCHIO-PARKINSON DEL 27%


Pill
A sostenerlo uno studio pubblicato su Neurology (rivista ufficiale dell'American Academy of Neurology), da un gruppo di ricercatori statunitensi del Brigham e Women's Hospital e della Harvard Medical School guidati da Xiang Gao della Harvard School of Public Health di Boston. "I risultati indicano che l'ibuprofene, a differenza di altri farmaci antinfiammatori non-steroidei (FANS) e di analgesici come aspirina o paracetamolo, ha proprietà protettive nei confronti del cervello", spiega Xiang Gao.
Nello studio sono stati analizzati i dati provenienti da 98.892 infermiere donne e 37.305 operatori sanitari di sesso maschile (291 dei quali hanno ricevuto, dopo sei anni dallo studio,  diagnosi di Parkinson) che hanno riferito sul loro uso di ibuprofene, altri farmaci Fans, aspirina e paracetamolo.
Gli scienziati hanno scoperto che le persone che avevano fatto uso di ibuprofene regolarmente - ovvero due o più volte a settimana - correvano un rischio inferiore del 38% di sviluppare il morbo di Parkinson. Dopo una analisi più ampia che ha combinato insieme i risultati di altri studi sull'uso di ibuprofene e altri Fans, i ricercatori hanno calcolato che il rischio di sviluppare il Parkinson per i consumatori abituali di ibuprofene era inferiore del 27%.

POCHI AMICI E BACHECHE VUOTE: PER I BIMBI DEPRESSIONE DA FACEBOOK

Pochi amici virtuali, una bacheca senza dimostrazioni di affetto e come se non bastasse un compagno/a di classe che ha tanto da raccontare: è la depressione da Facebook che, secondo uno studio dell'American Academy of Pediatrics, colpisce i ragazzi che si sentono emarginati sui social network più di quanto accada nella vita reale.
Un problema serio che può essere vissuto drammaticamente da bambini già affetti da un senso di esclusione

2011: ANNO INTERNAZIONALE DELLA CHIMICA

Concorsi nazionali, progetti di divulgazione e premi. Sono alcune delle iniziative per l'Anno internazionale della Chimica 2011, la cui giornata inaugurale si e' celebrata oggi presso l'Accademia dei Lincei a Roma. L'Anno internazionale della Chimica e' indetto dall'ONnu nell'ambito del decennio dedicato all'educazione allo sviluppo sostenibile (2005-2014) e in Italia le celebrazioni sono affidate alla collaborazione tra il Ministero dell'Istruzione, Societa' Chimica Italiana e Federchimica.

GORILLA MINACCIATI DA VIRUS UMANI

I virus umani si aggiungono ai fattori di rischio per i gorilla di montagna, specie in via di estinzione che ormai vive solo in alcune riserve africane. Lo afferma uno studio pubblicato da Emerging Infectious Diseases, secondo cui almeno due esemplari sono stati uccisi da malattie respiratorie trasmesse dall'uomo. Lo studio e' iniziato nel 2009, dopo che in una colonia di gorilla in Ruanda si e' verificata un'epidemia, con 12 esemplari colpiti da tosse e raffreddore. Due sono morti.

mercoledì 30 marzo 2011

RICERCA ITALIANA: SCOPERTO INTERRUTTORE-CHIAVE PER LE ALLERGIE CHE APRIREBBE NUOVE FRONTIERE TERAPEUTICHE AI COMUNI ANTISTAMINICI

Scoperto da italiani un interruttore chiave per spegnere alcuni degli effetti dell'istamina e controllare quindi le reazioni allergiche e le loro pericolose conseguenze, come lo shock anafilattico.
Il gruppo coordinato da Antonio Filippini, professore di Istologia a La Sapienza di Roma, in collaborazione con l'Università di Oxford, ha identificato la molecola che in risposta all'istamina, induce una serie di reazioni infiammatorie e i sintomi di allergia.

SI E' ACCESO "ICARUS": DOVRA' SPIEGARE I SEGRETI DELL'UNIVERSO


L'obiettivo è capire i misteriosi «neutrini», che già furono messi sotto osservazione da Enrico Fermi nel 1934

La parola neutrino fu coniata da Enrico Fermi già nel 1934 per caratterizzare queste particelle dalle più straordinarie proprietà. Ogni secondo del giorno e della notte, senza rendercene conto, siamo attraversati su ogni centimetro quadrato da ben 65 miliardi di neutrini solari, ad una velocità vicina a quella della luce. La maggioranza di questi neutrini proviene dal Sole e attraversa quasi senza effetti sia il Sole che la nostra Terra perdendosi nell'immensità del fondo cosmico. I neutrini sono simili ai più familiari elettroni ma con la cruciale differenza di essere elettricamente neutri e influenzati solamente dalla forza debole trasmessa dai bosoni W e Z, per la cui scoperta al Cern ho ricevuto assieme a Van der Meer il premio Nobel per la Fisica nel 1984.

IL TERRITORIO GIAPPONESE SI E' SPOSTATO 2,5 METRI A EST

La superficie dell'intero territorio Giapponese e' stata spostata di circa 2,5 metri verso Est dal sisma dell'11 marzo. Dalla misura, analizzata da un gruppo italiano dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e pubblicata dall'Agenzia Spaziale Europea è emerso che: 'La costa orientale della piu' grande isola del Giappone, Honsu, si e' spostata verso Est e si e' abbassata, mentre e' avvenuta una deformazione minore verso Ovest',ha detto il coordinatore Stramondo.

COSA SUCCEDE SE LA TIROIDE FUNZIONA POCO E MALE?

Il metabolismo rallenta e ne risente tutto l'organismo

L’ipotiroidismo (diminuzione della funzione tiroidea), in Italia riguarda quasi 1 milione di persone, donne in 8 casi su 10. «La tiroide è il sito di produzione degli ormoni tiroxina (T4) e triiodotironina (T3), molto importanti per il metabolismo e il corretto funzionamento di tutti gli organi — spiega Massimino D'Armiento, ordinario di endocrinologia dell'Università La Sapienza di Roma —. Si parla di ipotiroidismo quando la tiroide non è in grado di produrre una normale quantità di ormoni tiroidei».
Cause più comuni di ipotiroidismo:

IL TE' E' DIMAGRANTE, MA SENZA LATTE

Berne una o più tazze aiuta a ridurre il peso, ma occhio a "macchiarlo" con il latte. È quanto emerge da uno studio di uno scienziato indiano, Devajit Borthakur, della Tea Research Association. Secondo Borthakur il tè è ricco di composti naturali che aiutano il metabolismo a "bruciare" i grassi: formano una barriera interna all'intestino che scongiura l'assorbimento dei grassi e come "effetto collaterale" positivo riduce i livelli di colesterolo.

Il sistema anti-grassi non funziona se

LA DELUSIONE D'AMORE FA MALE DAVVERO

Solitudined
Un cuore spezzato fa male davvero. Più di una scottatura sulla pelle. È un dolore a livello fisico, spiegano i ricercatori dell'Università del Michigan (Usa), e il cervello lo registra come tale: una sofferenza reale che attiva le aree cerebrali deputate all'elaborazione del dolore. A causa di una delusione - una storia che finisce, ma anche un amore non corrisposto - si attivano infatti nel cervello le stesse aree che vengono accese, in particolare, dalla sensazione di bruciore.
Nello specifico, i ricercatori hanno esaminato le scansioni celebrali di un gruppo

LA CORSA DELLE MINORENNI ALLA "PILLOLA DEL GIORNO DOPO"

Giovani, imprudenti e confusi dal sesso. Il 55% delle confezioni del farmaco è venduto a giovanissime. L'allarme dei medici: il 27% dei teenager italiani non usa anticoncezionali.

Tecnologici e conoscitori della realtà virtuale più che del loro corpo. Navigano in rete come professionisti ma in amore e sesso improvvisano e rischiano. Sono i teenager italiani del nuovo secolo: il 27 per cento non usa alcun anticoncezionale e la percentuale sale al 35 per cento tra le sole ragazze. I risultati si vedono, lanciano l'allarme i medici degli ospedali dove ogni week end arrivano a decine ragazzine impaurite a chiedere la pillola del giorno dopo, mentre si moltiplicano le malattie sessuali tra i giovanissimi. Perché i nipoti del '68 e del femminismo invece di prevenire si affidano sempre di più alla contraccezione di emergenza che negli ultimi anni ha visto un vero e proprio boom. Fino ad arrivare a 370mila confezioni. Acquistate e usate, per il 55 % dei casi da minorenni.

INVECCHIARE BENE SI PUO': I TRUCCHI PER CURARE MENTE E CORPO

Se è impossibile rimanere per sempre giovani, perché almeno non apparire eterni ragazzini il più a lungo possibile?  È possibile prevenire malattie e decadimento fisico, seguendo le regole di una vita sana. Una recente ricerca dell'università di San Francisco svela che anche la meditazione può essere un alleato prezioso. Proibito invece fumare e stare troppo al sole.
Spiega il geriatra Roberto Bernabei del Gemelli di Roma: "Bisogna evitare di fumare, seguire una dieta

DISABILI, CENTINAIA DI SENTENZE CONDANNANO I TAGLI DELLA GELMINI

Alunni disabili privati del sostegno per mesi, alcune classi ne ospitano "troppi". Per far quadrare i conti nella scuola pubblica, il governo Berlusconi ha di fatto tagliato il sostegno agli allievi più deboli: i portatori di handicap. Le associazioni denunciano: "tagli indiscriminati alla spesa per l'istruzione statale, con conseguente sovraffollamento delle classi", e preoccupanti "forme di concentrazione di soli alunni con disabilità in totale violazione della normativa apparentemente integra sull'inclusione scolastica".

FUKUSHIMA: RITORNA L'INCUBO CHERNOBYL

giappone

Tasso di iodio radioattivo alle stelle nel mare giapponese. A 300 metri dalla centrale nucleare di Fukushima è 3.355 volte superiore al limite di legge. Allontanata la popolazione, vietata la pesca in mare. Cresce intanto la paura Chernobyl: il plutonio rilasciato dal reattore può fare danni per migliaia di anni. Il governo: "Maggiori controlli anche nelle aree intorno all’impianto". Il premier Naoto Kan: impossibile prevedere cosa accadrà alla centrale. E ora tracce di radioattività sono state rilevate anche a Pechino.

martedì 29 marzo 2011

LO STRANO CASO DEL "BARBITURICO" USATO PER LE ESECUZIONI

Sospesa la produzione in Italia: appello delle rianimazioni pediatriche per riaverlo

Un fatto è certo: negli ospedali italiani, le scorte di tiopentale sodico, più noto con il nome commerciale di Pentothal, si stanno ormai esaurendo. Bisogna approvvigionarsi all’estero, con tempi più lunghi e a costi maggiorati. Lo denunciano i responsabili dei servizi di anestesia e rianimazione dei nostri più importanti ospedali pediatrici, sottolineando che il problema è grave e molto delicato. Grave, perché il Pentothal viene utilizzato quotidianamente ed è riconosciuto come farmaco insostituibile e addirittura salvavita in tutta una serie di situazioni. Molto delicato, dal momento che la carenza del barbiturico è legata al suo utilizzo per le esecuzioni capitali negli Stati Uniti. Prima di esaminare la situazione negli ospedali pediatrici è necessario ricordare cosa è successo.
CRISI INTERNAZIONALE -Il tiopentale sodico destinato anche al nostro mercato sarebbe dovuto

"DEPRESSIONE DA FACEBOOK" PER GLI ADOLESCENTI

«Tu, quanti "amici" hai?»: la domanda ormai è di uso corrente specie tra compagni di scuola, adolescenti che, del popolare social-network sono i più accaniti fruitori. Ma il gioco può diventare pericoloso, e la realtà virtuale che si sovrappone a quella reale, può scatenare sinistri meccanismi depressivi tra i più giovani. Lo rivela uno studio statunitense condotto dalla prestigiosa American Academy of Pediatrics. I ragazzi con difficoltà comportamentali e un basso livello di autostima, quelli che tendono a isolarsi insomma, rischiano di accentuare ancor più tali debolezze nel mondo del social network: vedere il più bello della classe con molti più amici dei tuoi o che «posta» sempre commenti positivi sarebbe molto più «pericoloso» dello star seduti da soli in un bar affollato o altre situazioni simili. Perché non ci sarebbe modo di osservare le espressioni facciali o il linguaggio del corpo, all'interno di quel contesto. Senza considerare il fatto che, essendo aperte ai commenti di chiunque, il bullismo, oltre che tra i banchi, si può riversare anche sulle pagine di Facebook: è noto il caso di una quindicenne del Massachusetts, suicidatasi dopo che era stata ampiamente sbeffeggiata sul suo profilo.
IL PARERE - «Questo è un caso estremo - commenta lo psichiatra Claudio Mencacci- ma è vero che queste dinamiche possono scatenare nei ragazzi più vulnerabili, comportamenti autolesivi. Facebook è una realtà-vetrina dove uno immette soltanto elementi di positività. E sicuramente il confronto induce l'adolescente ad assolutizzare tutto e quindi a cadere in depressione, perchè non ha ancora gli strumenti per discernere il vero dall'illusorio». Per Mencacci quindi, il network più che social, a volte può essere «anti-social, perchè una realtà mondata dalla negatività del vivere, non è una realtà corretta». I genitori che notano nei propri figli un principio di depressione «devono stare con loro - conclude Mencacci- anche nei frangenti in cui si immergono nelle comunità del web. E insegnare ai ragazzi che la vita non é solo lo scintillio di una pagina di Facebook».

LAVORO INTENSO E SERIETA': SONO QUESTI GLI "ELISIR" DI LUNGA VITA

La felicità, l'amore dei propri cari, il matrimonio e l'affetto degli animali domestici non "allungano la vita".
Secondo uno studio ventennale, condotto da Howard S. Friedman e Leslie R. Martin, ricercatori dell'Università della California di Riverside (Usa), quelli comunemente ritenuti i "segreti della longevità" sarebbero sbagliati: al contrario, una maggiore durata dell'esistenza potrebbe essere associata a un comportamento "serioso" in tenera età.
La ricerca, intrapresa nel 1991, è stata condotta su 1500 soggetti, analizzati nel '21, quand'erano ancora bambini, da Louis Terman - psicologo dell'Università di Stanford -, le cui esistenze sono state poi ricostruite dal team guidato dai due esperti. Al termine, i risultati dell'indagine hanno dimostrato che i partecipanti che da bimbi erano più allegri e con un maggior senso dell'umorismo, avevano condotto una vita più breve rispetto ai meno scherzosi: "I bambini più seri e prudenti hanno trascorso esistenze più sane e longeve -, spiega Martin -. Probabilmente, ciò dipende dal fatto che un atteggiamento troppo ottimistico porta a sottovalutare i rischi per la salute e a mettere in atto comportamenti pericolosi".
Non è tutto: lo studio ha anche dimostrato che lavorare troppo aiuta a vivere di più - gli "stressati" vivevano di più dei loro compagni più rilassati -, che essere sposate o divorziate non influisce sulla longevità delle donne, e, infine, che essere amati dai propri cari e giocare con gli animali non allunga la vita.

NOTTI BOLLENTI? ZAFFERANO E GINSENG SONO MEGLIO DEL CIOCCOLATO



Coppia_con_alcol
Un risotto allo zafferano e un caffè al ginseng: e il menu è di sicuro successo per una serata "piccante". A sostenerlo sono gli studiosi di Massimo Marcone del Guelph's Department of Food Science dell'University of Guelph, in Ontario (Canada), secondo cui il ginseng e lo zafferano aggiunti alla dieta sono in grado di migliorare la funzionalità sessuale. Simili risultati sono stati ottenuti anche da una sostanza naturale estratta dagli alberi yohimbe dell'Africa occidentale.

BBCnews: "LEUCEMIA MIELOIDE ACUTA", TRE GRUPPI DI GENI SAREBBERO COINVOLTI NELL'INSORGENZA DELLA PATOLOGIA

Tre gruppi di mutazioni che causano la "leucemia mieloide acuta" (cancro delle cellule bianche del sangue) sono stati identificati dagli scienziati.
La mutazione più comune implicata nel cancro è legata al gene NPM1. Attivando questo gene nelle cellule del sangue dei topi, i ricercatori sono riusciti a dimostrare che esso ha potenziato la capacità delle cellule a rinnovarsi, segno dello sviluppo del cancro. Eppure, solo un terzo dei topi ha continuato a sviluppare la leucemia.I ricercatori hanno dedotto che altre mutazioni devono essere coinvolte nell'insorgenza della patologia e tali geni sono mutati in modo casuale, con una tecnica nota come mutagenesi e osservando i topi che hanno sviluppato il cancro essi stessi potrebbero  tracciare le mutazioni coinvolte.Gli studiosi hanno trovato due ulteriori tipi di mutazione, uno riguarda la divisione e la crescita cellulare, l'altro la modifica dell'ambiente cellulare.Il Dr. George Vassiliou, ematologo consulente del Wellcome Trust Sanger Institute, sostiene di aver "trovato passaggi critici che si verificano durante lo sviluppo del cancro" e che "identificare i processi biologici  significa cercare nuovi farmaci per invertire il processo".
Egli ha detto alla BBC: "Ottenere nuovi farmaci potrebbe richiedere decenni."

SESSO: LA PRIMA VOLTA A 12 ANNI

Primi rapporti sessuali sempre piu' presto, anche a 11-12 anni, con i ragazzi ''completamente ignari'' dei rischi che possono correre.E' l'allarme lanciato dall'endocrinologo Andrea Lenzi dell'Universita' La Sapienza di Roma,che invita i pediatri a monitorare i bambini per prevenire anche la trasmissione di virus come il papilloma virus umano (hpv). ''E' a scuola che si fa la prima prevenzione, - ha aggiunto Lenzi - percio' e' fondamentale attuare programmi di educazione sessuale''.

ABORTO: RU486, VENDUTE SEI MILA SCATOLE

Oltre seimila scatole vendute: sono le cifre del primo anno della pillola abortiva RU486 in Italia, la cui messa in commercio e' diventata effettiva dal 1 aprile dell'anno scorso. A dare le cifre e' Marco Durini, medical director della Nordic Pharma, l'azienda distributrice del farmaco in Italia.''In questo primo anno le scatole vendute sono state 6066 - spiega - A livello regionale il primato spetta al Piemonte,con 1624 scatole''.

lunedì 28 marzo 2011

NELLA LOTTA AL DOLORE IL RUOLO DEL FARMACISTA E' AL PRIMO POSTO


Favorire l’accesso ai farmaci più appropriati per il trattamento del dolore, sia semplificando le procedure di dispensazione e di approvvigionamento degli oppiacei, sia partecipando alla battaglia culturale perché anche in Italia si affermi un orientamento moderno in questo importante capitolo della tutela della salute. Questi sono gli obiettivi che hanno guidato l’azione della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi) nella fase di stesura della legge che ha rivoluzionato questa materia e nella fase successiva di applicazione sul territorio. In questi termini il presidente della Federazione, Andrea Mandelli ha aperto la conferenza stampa intitolata La legge 38 un anno dopo: il punto di vista del farmacista svoltasi oggi a Milano.

SOUNDBITE: UN APPARECCHIO ACUSTICO DA NASCONDERE FRA I DENTI

Il dispositivo «Soundbite»Appena approvato in Europa; sfrutta la conduzione del suono per via ossea e non per via aerea

Non richiede intervento chirurgico e può essere facilmente rimossa: è la prima protesi acustica al mondo che trasmette il suono attraverso i denti ed ha appena ricevuto, dopo l’autorizzazione della Food and Drug Adminstration americana, l’approvazione per la commercializzazione anche in Europa.

TBC, IN EUROPA PIU' DIFFICILE DA CURARE; IN ITALIA PIU' DI 4000 CASI L'ANNO

Può sembrare strano, ma è l'Europa il continente dove si trova la Tbc più coriacea da curare. A lanciare l'allarme è l'European centre for disease prevention and control (Ecdc) e la regione europea dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). In occasione della Giornata mondiale per la lotta alla tubercolosi (si celebra il 24 marzo) le due organizzazioni hanno presentato un nuovo report - "Tuberculosis surveillance in Europe 2009" -  che contiene dati. definiti "preoccupanti" anche dall'Istituto superiore di sanità (Iss), sulla diffusione della tubercolosi multi-resistente in Europa e sulla Tbc nei bambini.

PORTARE A SPASSO IL CANE E' MEGLIO DELLA PALESTRA

Ricerca Usa: si triplica il moto e si previene l'infarto. Effetti benefici riscontrati anche su obesi, ipertesi e depressi. Antidoto alla solitudine. Cura anti pigrizia: camminate e corse "obbligate" almeno tre volte al giorno per mezz'ora

Allergico alla palestra? Incapace di concepire un'attività fisica che non implichi l'uso del mouse? La soluzione è più "friendly" di quello che si pensi: basta adottare un cane. Chi ha un amico a quattro zampe è costretto a portarlo fuori tre o quattro volte al giorno, e ogni uscita dura almeno dieci minuti. A conti fatti, fa il doppio dell'attività fisica di chi è abbonato al tapis roulant. Partendo da queste premesse ricercatori della Michigan State University hanno studiato fino a che punto il miglior amico dell'uomo fa bene alla salute degli umani. L'indagine, pubblicata sull'International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity, si è concentrata sulle abitudini di 5.900 cittadini, 2.170 dei quali proprietari di un cane, rilevando che chi possiede un "pet", una bestiola, si muove mediamente mezz'ora al giorno per cinque giorni a settimana, regolarità riscontrabile solo in un terzo degli intervistati senza animale. "Abbiamo notato che chi ha un cane è più propenso a muoversi - ha spiegato l'epidemiologo Mathew Reeves, che ha condotto la ricerca - e si dedica volentieri anche a sport e giardinaggio. Un animale ti fa vincere la pigrizia come la palestra non farà mai: io ho due labrador, Calbury e Bella, e li porto fuori alle 10 di sera, anche se è l'ultima cosa che vorrei fare". Secondo i dati diffusi lo scorso novembre dal ministero del Welfare, 3 italiani su 100 hanno un animale da compagnia, i cani sono 7 milioni e i gatti
8 e chi ha un cane lo porta fuori dalle tre alle quattro volte al giorno per 15/20 minuti.

NEGLI USA BOOM DI CHIRURGIA ESTETICA TRA GLI UOMINI

Un aumento del 14% di lifting facciali, dell'11% della chirurgia dell'orecchio (otoplastica), del 7% di interventi di liposuzione e del 6% di riduzione del seno: sono solo alcune delle percentuali che segnano il netto aumento del sempre più frequente ricorso alla chirurgia estetica da parte degli uomini statunitensi. Incremento, spiegano le statistiche pubblicate dall'American Society of Plastic Surgeons (ASPS), ottenuto nel solo ultimo anno, dal 2009 al 2010.
In tutto, spiegano dall'ASPS, negli Usa gli interventi estetici di vario tipo - mininvasivi o chirurgici - a cui si sono sottoposti gli uomini sono in tutto 1,1 milione. Tra i rappresentanti del sesso forte, inoltre, sono ancora ben rappresentati gli interventi cosmetici di natura chirurgica: un dato controcorrente considerando la crescita dell'utilizzo di trattamenti mini-invasivi.  "Procedure mini-invasive come iniezioni di tossina botulinica e riempimento dei tessuti molli funzionano fino a un certo punto - spiega Phillip Haeck, presidente dell'American Society of Plastic Surgeons -. Quando l'età e la forza di gravità prendono il sopravvento, invece, al fine di mostrare un significativo miglioramento sono necessarie delle procedure chirurgiche che sollevino la pelle".
Ecco la "Top10" completa degli aumenti, in percentuale, degli interventi tra il 2009 e il 2010 a cui si sono sottoposti gli uomini statunitensi. Al primo posto, il lifting facciale, con un 14% di aumento. Seguono: la chirurgia dell'orecchio (11%); il riempimento tessuti molli (10%); la tossina botulinica (9%); la liposuzione (7%); la riduzione del petto (6%); la chirurgia delle palpebre (4%); la dermoabrasione (4%); la depilazione laser (4%); il trattamento laser per le vene delle gambe (4%).

PER TROVARE UN FISIOTERAPISTA BASTERA' RECARSI IN FARMACIA

«L'idea è quella di aumentare i servizi sul territorio, soprattutto nelle aree attualmente poco coperte»

La conferenza Stato-Regioni ha appena approvato un nuovo provvedimento, in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che consentirà alle farmacie di fare da tramite tra cittadini e fisioterapisti sia per prestazioni in convenzione con il Sistema sanitario nazionale sia per prestazioni private. «L’idea è quella di aumentare i servizi sul territorio, soprattutto nelle aree attualmente poco coperte, con pochi ospedali e strutture sanitarie, come le comunità montane o le zone rurali - spiega Bortone -. A nostro parere è però fondamentale che venga privilegiata e garantita l’attività del fisioterapista in convenzione con il Sistema sanitario nazionale e che l’aspetto dell’assistenza privata rimanga marginale. In altre parole riteniamo necessario che il Sistema sanitario nazionale attribuisca risorse economiche a questo progetto per evitare che i costi per le prestazioni fisioterapiche gravino completamente sui malati».

IL PRINCIPIO ATTIVO DELLA CANNABIS CONTRO GLI EFFETTI DELLA CHEMIOTERAPIA

Il Thc aiuta i malati a recuperare il gusto che spesso perdono durante le terapie e un nuova cura previene la costipazione da oppiodi che colpisce sei pazienti su 10

Il principio attivo della cannabis, il tetracannabinolo o Thc, può essere utile ai malati di tumore per recuperare il senso del gusto che spesso si perde durante le terapie. Lo afferma uno studio canadese pubblicato dalla rivista Annals of Oncology, secondo cui la molecola aiuterebbe anche i pazienti a dormire meglio. E mentre arriva sul mercato un rimedio contro la costipazione indotta dall’uso prolungato di farmaci oppioidi, un’altra ricerca propone l’olio di pesce come "integratore" per salvaguardare peso corporeo e massa muscolare.

VOLA LA VENDITA DI FARMACI ANTIDEPRESSIVI

Triplicato il consumo in 10 anni, dubbi su veridicita' diagnosi

Sempre piu' psicofarmaci nelle tasche degli italiani che nell'arco di una decina di anni ne hanno triplicato l'uso. Il trend nazionale in forte aumento del consumo di farmaci antidepressivi e' salito del 310% dal 2000 al 2008 e confermato dai dati dell'ultimi rapporto Osservasalute.

Nonostante qualche dubbio che si sta diffondendo all'interno della comunita' scientifica sulla veridicita' delle diagnosi di depressione, l'aumento dell'uso degli antidepressivi interessa tutte le regioni.

MEDICI: 37% SONO DONNE E 1 SU DIECI E' PRIMARIO

 Sono piu' di 147 mila i medici e gli odontoiatri donna: circa il 37% degli iscritti agli Albi.

Eppure, solo una donna su dieci e' dirigente medico di struttura complessa, ricopre cioe' quello che una volta era il ruolo di ''primario''. Sono i dati che saranno discussi al convegno 'Leadership in Sanita': interpretazione al femminile, innovazioni, opportunita'', il primo aprile a Firenze per iniziativa della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

PALERMO CONCORSI: 170 POSTI DA INFERMIERE AL POLICLINICO

Concorso per 170 posti di infermiere nell'Azienda ospedaliera universitaria Policlinico 'Paolo Giaccone' di Palermo. Il bando pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione, serie concorsi, di oggi.  Il 50 per cento dei posti disponibili sarà assegnato per mobilità ed il restante con concorso pubblico per soli titoli. Per informazioni ci si può rivolgere  all'ufficio concorsi dell'azienda ospedaliera, in via Montegrappa 58/A, cap 90128 Palermo.

SCUOLA, IN SICILIA PRONTE 2500 DOMANDE DOPO LA VITTORIA DI UN RICORSO IN LIGURIA

Una sentenza del Tribunale di Genova apre la strada ad una raffica di cause per i precari della scuola. In Sicilia sono già pronte 2500 domande. Mezzo milione di euro a quindici precari della scuola ligure come risarcimento per la mancata stabilizzazione dopo molti anni di contratti a termine: una sentenza record (il maggiore risarcimento mai pagato in Italia) che rischia di aprire una maglia gigantesca nella vicenda degi precari storici che occupano cattedre e posti da ausiliari. Nell'Isola la scuole del governo ha falcidiato posti di docente e Ata: per il prossimo anno scolastico previste 2534 cattedre e 1600 posti Ata in meno. E ci sono già 2500 richieste presentate alla Flic Cgil per proporre un ricorso

venerdì 25 marzo 2011

ANGINA, IL DOLORE SI SPEGNE CON UN ELETTRODO

Quando i farmaci non funzionano, quando l’angioplastica o il bypass non sono indicati, c’è un’altra opportunità di cura per i pazienti che soffrono della cosiddetta angina refrattaria: la stimolazione dei nervi spinali. La nuova terapia, capace di «spegnere» il dolore, è appena stata sperimentata con successo da un gruppo di ricercatori dell’Università Cattolica di Roma che hanno pubblicato i risultati sulla rivista Pain. La stimolazione è effettuata attraverso una sorta di «pacemaker» che viene impiantato sotto la cute (generalmente in una tasca creata nell’addome) e stimola il midollo spinale tramite un catetere-elettrodo.

ERBETTE E SPIANCI CONTRO IL DIABETE? SI, MA CUOCETELI BENE

Difendono dai radicali liberi, ma gli antiossidanti vengono persi se la preparazione è sbagliata

Erbette e spinaci ridurrebbero il rischio diabete. Lo si legge in una meta-analisi, pubblicata dal British Medical Journal, in cui si è analizzato il rapporto fra consumo di frutta e verdura e diabete di tipo 2. Negli studi in cui si è considerato, separatamente, il ruolo delle verdure a foglia verde (oltre a erbette e spinaci, per esempio anche le insalate verdi e le verze), si è visto che chi ne consumava di più (150 grammi al giorno) aveva un rischio di sviluppare il diabete del 14% inferiore rispetto a chi ne mangiava circa 20 grammi. A questo effetto protettivo potrebbe contribuire l’elevato contenuto di antiossidanti: ma attenti al tipo di cottura, che lo può ridurre drasticamente. Gli antiossidanti difendono dai radicali liberi, la cui produzione è facilitata dall’iperglicemia diabetica . E i danni causati dai radicali liberi a livello dei vasi sono alla base delle complicanze cardiovascolari della malattia. Un ruolo potrebbe averlo anche il magnesio, che dà il colore a queste verdure.

TOSSE DI PRIMAVERA? UN AIUTO DAGLI ESTRATTI DI GRINDELIA


Grindelia2
Tosse, bronchite e catarro. Un aiuto a contrastare raffreddamenti e malanni stagionali anche in primavera arriva dalla Grindelia, pianta originaria delle regioni paludose della California e del nord del Messico. Sotto forma di estratti sono un balsamo per le vie aeree. Il consiglio arriva dall’Osservatorio Aiipa, l’Associazione Italiana Industrie prodotti Alimentari, che ha raccolto gli studi scientifici a favore della pianta che già gli Indiani d'America conoscevano per le sue proprietà espettoranti.
A far bene sono gli estratti della resina che avvolge e ricopre tutte le parti aeree delle piante di Grindelia e del fiore di color giallo acceso, detto capolino. 
Grazie alle proprietà antispasmodiche, espettoranti, antiflogistiche ed antibatteriche di questa pianta, oggi i suoi estratti sono un efficace alleato in caso di tosse, bronchite, catarro, spasmi della muscolatura bronchiale e pertosse. In più è in grado di intervenire sulla tosse che accompagna le infezioni virali delle vie respiratorie.

NASCE IL PC PIU' PICCOLO: UN MM QUADRATO. SI IMPIANTA NELL'OCCHIO CONTRO IL GLAUCOMA


Occhio
È grande appena un millimetro quadrato, ma contiene al suo interno un microprocessore, un sensore di pressione, uno spazio per lo stoccaggio della memoria, una batteria iper-sottile, una cella solare e una radio senza fili con un'antenna in grado di trasmettere i dati a un dispositivo esterno: il più piccolo computer del mondo, così costituito, è stato realizzato per essere impiantato nell'occhio con l'obbiettivo di tenere sotto controllo costante la pressione oculare e, quindi, l'avanzamento del glaucoma, patologia che può arrivare a provocare cecità completa.
A metterlo a punto Dennis Sylvester, David e David Blaauw Wentzloff dell'Università del Michigan (Stati Uniti), che spiegano che il processore per il controllo della pressione oculare utilizza una modalità 'sleep' all'avanguardia per ottenere un consumo energetico molto basso, e che per mantenere la batteria carica basta esporlo a dieci ore al giorno di luce da interno o a 1 ora e mezzo di luce solare. "Questo - spiega Sylvester - è il primo vero computer completo di dimensioni millimetriche".

COSI' IL GENE "Adam12" DIVENTA UN TARGET ANTI-CANCRO E ANTI-ARTRITE


DnaIdentificato un nuovo target terapeutico per silenziare il gene Adam12 coinvolto, a vario titolo, nei processi d'insorgenza di alcuni tipi di cancro, dell'artrite e dell'ipertrofia cardiaca (patologia che causa l'ispessimento delle pareti del cuore).
Gli studiosi dell'University of Missouri diretti da Alpana Ray, sono stati sulle tracce di Adam12 per diversi anni prima di arrivare a scoprire che il gene è normalmente presente in basse quantità negli adulti, e in massime quantità nella placenta, e che quando nei soggetti adulti è iper-espresso può portare allo sviluppo di cancro, artrite o ipertrofia cardiaca. Gli studiosi hanno scoperto che a silenziare Adam12 è una proteina, inattiva nella placenta ma presente negli adulti, nota col nome di "Z-DNA-binding", che ha il compito di mantenere a livelli normali Adam12: trovare il modo per attivarla quando il funzionamento di Adam12 supera i livelli di guardia potrebbe essere un modo per contrastare l'insorgenza di queste patologie. 

POCO SESSO FA MALE: SI RISCHIANO LE CORONARIE


Sesso2
Anche per fare “esercizio” sotto le lenzuola ci vuole il fisico appropriato. Parola dei ricercatori del Tufts Medical Center di Boston: chi fa poco sesso e si improvvisa amante focoso per una notte corre più rischi di infarto, arresto cardiaco e persino di morte improvisa. Lo stesso vale per chi si fa attività fisica sporadicamente.  Lo affermano affermano gli esperti che dopo una revisione di 14 studi hanno decretato che il rischio di morte si incrementa di 2,7 per chi si cimenta in imprese amatorie senza adeguata preparazione atletica e di 3,5 volte per chi, anche se arrugginito, si butta a capofitto nell’attività fisica.

PER UN CUORE IN FORMA DUE CUCCHIAINI DI "OLIO DI CARTAMO"

Una piccola dose di olio di cartamo - una pianta simile alla zafferano, dagli stessi colori intensi ma dal sapore meno caratteristico - pari a poco meno di due cucchiaini al giorno per 16 settimane, potrebbe aiutare a tenere a bada le malattie cardiache: è quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition da un gruppo di ricercatori dell'Ohio State University (Usa) guidati da Martha Belury, docente di nutrizione umana.
Cartamo
Lo studio ha messo in evidenza che l'olio vegetale è in grado di migliorare i parametri legati al colesterolo buono, alla presenza di zuccheri nel sangue e alla sensibilità all'insulina, e abbasserebbe i livelli di infiammazione nelle donne obese in postmenopausa che soffrono di  diabete di tipo 2.
Il merito sarebbe dell'acido linoleico in esso contenuto, un acido grasso essenziale della famiglia degli

mercoledì 23 marzo 2011

IL CELLULARE CONSUMA ENERGIA: SONO GLI ZUCCHERI DEL CERVELLO

A sostenerlo uno studio americano pubblicato su Jama che dimostra come stare incollati al telefono mobile almeno 50 minuti alteri il metabolismo del glucosio di alcune aree del cervello prossime all’antenna, senza però provare che questo faccia male. Lo hanno stabilito i ricercatori del National Institutes of Health di Bethesda, negli Usa.

INTELLIGENZA: MIGLIORE QUANDO IL CERVELLETTO E' PIU' GRANDE

La ricerca si è spesso concentrata sul ruolo della corteccia cerebrale per pronosticare la salute delle funzioni cognitive attuali e future, ma adesso un team di neuroscienziati punta i riflettori sull’attività del cervelletto. "L’intelligenza generale è correlata con l’elaborazione delle informazioni che a mio avviso dipende dal funzionamento del cervelletto, tra cui la velocità e la coerenza delle nostre percezioni, le decisioni e la velocità nell’apprendere nuove competenze", spiega Michael Hogan, autore dello studio.
I dati provengono da 228 adulti scozzesi monitorati durante la Scottish Mental Survey del 1947. A distanza di più di 60 anni nuovi test con mezzi diagnostici più potenti hanno messo in evidenza una stretta relazione tra le dimensioni del cervello e il livello dell’intelligenza.
Da tempo è stato riconosciuto che il cervelletto è coinvolto in funzioni senso-motorie, tra cui l'equilibrio e la coordinazione dei movimenti, ma ora si ritiene che il cervelletto abbia un ruolo importante anche nelle abilità cognitive di livello superiore. Una prospettiva che entusiasma i ricercatori: si può aiutare il cervello a mantenere funzione più robuste e più a lungo allontanando il declino cognitivo anche “attraverso l'attivazione continua di reti cerebellari attraverso nuove attività senso-motorie cognitive”, dice Hogan.

GERME DI GRANO E LIEVITO DI BIRRA: LA VITAMINA B CONTRO I DOLORI PRE-MESTRUALI

Dolori, fitte all’addome e irritabilità meno pesanti dell’ultima volta. La Sindrome premestruale si combatte anche con una dieta a base di vitamina B. A dirlo uno studio dell’American Journal of Clinical Nutrition secondo cui chi mangia cibi più ricchi di B, come i cereali integrali, il lievito di birra, il fegato, i legumi, il germe di grano e la frutta a guscio, sente meno i sintomi che precedono il periodo delle mestruazioni e che colpiscono almeno una donna su sei. I ricercatori della Università del Massachusetts hanno chiesto a circa 3.000 donne quale fosse la loro alimentazione in un periodo di circa 10 anni.
I sintomi della sindrome premestruale si presentano con dolore lieve o moderato all’addome, gonfiore, affaticamento, irritabilità, ansia e in alcuni casi può favorire la depressione. Le donne che avevano un’alimentazione che integrava maggiori quantità di tiamina (B1) e riboflavina (B2) avvertivano meno gli effetti del periodo “nero”.

Più del 60% delle donne che avevano nel loro menu giornaliero almeno 1,9 milligrammi di tiamina godevano di una migliore protezione dalla sindrome premestruale. Medesimi risultati si sono riscontrati nelle donne che consumavano alimenti con un’assunzione di 2,5 milligrammi di riboflavina. “È facile consumarne in modo sufficiente - dice l’autrice dello studio Elizabeth Bertone-Johnson - perché si tratta di due o tre tazze di lievito di birra”.

TUTTI I BENEFICI DEL POMODORO: CRUDO O COTTO, ECCO PERCHE' MANGIARLO



Pomodori
Pasta al sugo un po' più spesso, e insalata di pomodori anche tutti i giorni: aumentare il consumo di pomodori nella dieta non può che far bene alla salute, spiegano i ricercatori del National Center for Food Safety & Technology dell'Illinois Institute of Technology.
I pomodori difendono dalla insorgenza di alcuni tipi di cancro, hanno funzioni antitrombotiche e anti-infiammatorie che prevengono le malattie cardiovascolari, rinforzano le ossa contro l'osteoporosi e aiutano la pelle a difendersi dai danni causati dai raggi ultravioletti.
I ricercatori, guidati da Britt Burton-Freeman e Kristin Reimers, hanno inoltre scoperto che i pomodori sono la principale fonte dietetica di licopene, un potente antiossidante che, a differenza della maggior parte delle sostanze nutrienti contenute in frutta e verdura, conserva una buona biodisponibilità anche dopo la cottura. "La ricerca sottolinea la relazione tra il consumo di pomodori e la riduzione del rischio dell'insorgenza di cancro, malattie cardiache, e altre condizioni", affermano gli autori. Può essere consumato crudo in differenti modi e accompagnato ad altri cibi, ma anche cotto, come condimento per la pasta: "L'evidenza suggerisce anche - concludono i ricercatori - che il consumo di pomodori dovrebbe essere raccomandato per i benefici nutrizionali e perché può essere una strategia semplice ed efficace per aumentare l'assunzione complessiva di ortaggi".

I DISOCCUPATI DORMONO PEGGIO: L'ASSENZA DI LAVORO PROVOCA INSONNIA

Il segreto per dormire sonni tranquilli? Lavorare e, possibilmente, svolgere una professione appagante. Ad affermarlo sono i ricercatori dell'Università del Surrey, in Gran Bretagna, secondo cui il "fattore lavoro" influisce in modo significativo sulla qualità del sonno.
Nel corso della ricerca, condotta sui membri di 14 mila famiglie britanniche, gli studiosi hanno scoperto che gli impiegati e i lavoratori autonomi riposano meglio dei disoccupati. È infatti emerso che chi non svolge alcuna professione, tende a soffrire di disturbi del sonno il 40% in più rispetto a chi lavora.

Ma non basta, è importante anche il tipo di impiego praticato: chi svolge mansioni ripetitive dorme peggio rispetto ai liberi professionisti. Gli esperti hanno rilevato, infatti, che soffre d'insonnia il 33% di chi non è contento del proprio lavoro, rispetto a - solo - il 18% di chi se ne dichiara soddisfatto.
"Dato il rapporto tra sonno, condizioni socio-economiche e disturbi sanitari, emerso in questo e in altri studi -, spiega Sara Arber, che ha guidato la ricerca -, sarebbe opportuno tenere conto del fatto che, l'elevata incidenza di disturbi del sonno tra gli svantaggiati, potrebbe influire sul loro stato di salute".

GRAVIDANZA: NAUSEE VIA CON GHIACCIOLI



Le nausee e il malessere tipici dei primi mesi di gestazione possono sparire mangiando dei ghiaccioli, a base di ingredienti naturali,senza zuccheri o conservanti. Il rimedio e' stato confermato dall'Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani che ha fatto una ricerca per verificarne l'efficacia constatando che funziona nel nel 95% dei casi. L'utilizzo dei ghiaccioli, inoltre, ha migliorato il malessero nella maggior parte delle donne fin dai primi giorni.

DOPO IL PARTO ALLE NEO-MAMME CRESCE IL CERVELLO


Piu' sviluppate aree legate a cure materne e affetto

 I bebe' aguzzano l'ingegno delle neomamme,facendo loro crescere il cervello e cosi' l'affetto e l'attenzione giusta per proteggerli. Alle neomamme, ad alcuni mesi dal parto, aree quali ipotalamo, amigdala, substantia nigra, che studi su animali hanno collegato all'accudimento della prole, aumentano di volume. E anche la corteccia prefrontale, importante per prendere decisioni, si mostra piu' sviluppata. Lo rivela uno studio di scienziati Usa,che si e' basato attraverso una risonanza magnetica.

sabato 19 marzo 2011

DIGITALE TERRESTRE IN ARRIVO ANCHE IN SICILIA

A regime entro il primo semestre del 2012. Vertice con il Corecom della Calabria per evitare i disagi insorti in regioni come la Lombardia e il Piemonte. Affrontata la problematica delle interferenze nell'area dello Stretto

"Schermi neri" con l'avvento del digitale terrestre? Per rispondere, con certezza, "No, grazie", il Corecom-Calabria lancia in tempo un allarme ed è impegnato a prevenire quello che migliaia di utenti lamentano in regioni come la Lombardia e il Piemonte, dove si lotta con i decoder e i televisori da risintonizzare, alcuni canali sembrano essersi volatilizzati e molte frequenze tv sono sparite o "ballerine". Ecco perché a Palazzo Campanella si è tenuto un vertice interregionale (Calabria-Sicilia) e inter-istituzionale per preparare tecnicamente l'ormai prossimo "switch off" calabrese, il momento cioé in cui si spegneranno i segnali tv tradizionali (analogici) dando inizio all'era del digitale terrestre.

venerdì 18 marzo 2011

"LANCET": LA PRIMA URETRA BIOLOGICA E' UN SUCCESSO


Staminali
È stato sperimentato con successo il primo trapianto su cinque giovani messicani di un’uretra, l’ultimo tratto delle vie urinarie, realizzata coltivando in laboratorio cellule degli stessi pazienti. L’obiettivo è stato raggiungo dal team di Anthony Atala, direttore del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine di Winston-Salem (Usa), la stessa squadra che nei giorni scorsi ha annunciato di aver realizzato il primo strumento per la creazione automatizzata di pelle da cellule umane e che in precedenza aveva sviluppato vesciche complete da materiale biologico. Il nuovo studio è pubblicato su "Lancet".Atala ha prelevato piccoli campioni di cellule dalle vesciche dei ragazzi, che quindi sono diventati donatori di se stessi, permettendo la realizzazione di organi perfettamente biocompatibili. L’intervento ha riguardato alcuni ragazzi tra i 10 e 14 anni che avevano subito danni all’uretra in seguito ad incidente. Sei anni dopo l’innesto i pazienti godono di buone condizioni di salute.
Le cellule, necessarie per creare il muscolo che sostiene e circonda l'uretra, sono state coltivate e moltiplicate in linee cellulari fino ad averne in quantità sufficienti alle progettazione del nuovo condotto urinario. Il passo successivo è stato il rivestimento di una micro-struttura (scaffold) della grandezza adeguata all’innesto sul paziente. Una settimana di incubazione ha permesso alle cellule di aderire perfettamente alla maglia dell’impalcatura. “Questa tecnica prova l’efficacia delle terapie a base di cellule”, spiega Atala. L’innesto di protesi artificiali ha un rischio di malfunzionamenti in un caso su due e una più alta probabilità di ripetizione dell’intervento nel corso della vita

EFFETTO-FACEBOOK: IL SOCIAL NETWORK CHE RAFFORZA L'AUTOSTIMA

Avere un profilo facebook può essere un esercizio per migliorare l'autostima. E' quanto emerge da uno studio della Cornell University secondo cui i social network permettono di filtrare i lati peggiori della propria personalità evidenziando solo i pregi.
La consapevolezza, poi, che chi ha accesso alla nostra bacheca possa guardare solo ciò che noi vogliamo, e in particolare i nostri punti di forza, rinforza il nostro credere in noi.
Lo studio è stato condotto da Jeffrey Hancock in collaborazione con Amy Gonzales, attualmente 'arruolata' nell'Università della Pennsylvania, su 63 studenti universitari arruolati appositamente per la ricerca. "A differenza di uno specchio, che ci ricorda chi siamo veramente e può avere un effetto negativo sulla propria stima di sé se l'immagine non corrisponde ai propri ideali, Facebook può mostrare una versione positiva di noi stessi - spiega Hancock -. Non stiamo dicendo che si tratta di una versione del sé ingannevole, bensì positiva". Poiché gli utenti di Facebook possono essere selettivi su ciò che dicono e mostrano di se stessi, comprese le fotografie e le informazioni autobiografiche, i loro profili possono presentarsi come conformi a un ideale, spiegano gli autori.
Gli studenti sono stati divisi in tre gruppi: alcuni potevano giocare e aggiornare i loro profili Facebook, altri avevano la possibilità di interagire col social network solo per una parte del tempo loro concesso, altri ancora avevano il monitor spento. I ragazzi hanno poi dovuto compilare un questionario per misurare l'autostima: ed è emerso che gli studenti che avevano potuto utilizzare Facebook durante l'esperimento avevano una più alta stima di sé rispetto agli studenti i cui computer erano stati spenti e anche rispetto ai coetanei che avevano potuto interagire con il social network solo per una parte del tempo. I partecipanti che avevano potuto modificare il loro profilo durante lo studio, inoltre, hanno fatto registrare i livelli maggiori di autostima.

CEREALI, LEGUMI E OLIO: ECCO I CIBI ANTI-AGE

Dieta-mediterranea
La guerra all'invecchiamento parte dalla tavola trova in prima fila gli uomini, nelle retrovie le donne, ancora più dietro i fumatori. Questi ultimi i più disattenti a tavola rispetto alle regole nutrizionali contro l’invecchiamento cellulare. È quanto emerge da un’indagine dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano su un campione di circa 4000 persone di età superiore ai 40 anni: sono gli uomini a introdurre più antiossidanti, agenti che potenziano i nostri meccanismi di difesa contro i dannosi radicali liberi. Gli uomini infatti

PER LE DONNE IL DOLORE E' PIU' FORTE: STUDIO SPIEGA IL PERCHE'

A parità di dolore, la sensazione percepita dalle donne è maggiore di quella percepita dagli uomini: è quanto sostiene un gruppo di ricercatori giapponesi e inglesi guidati da Qasim Aziz del Wingate Institute for Neurogastroenterology della Queen Mary University di Londra che hanno studiato le reazioni al dolore di 16 uomini e 16 donne, rilevando che le donne hanno risposte più intense al dolore rispetto agli uomini.

I ricercatori hanno spiegato ai volontari, tutti in salute, che di lì a poco avrebbero inserito loro un palloncino in gola, provocando un piccolo fastidio: dalle risonanze magnetiche cerebrali è emerso che i cervelli delle donne, non appena saputo cosa sarebbe accaduto, hanno fatto registrare una bassa attività nelle aree coinvolte nella paura e una maggiore attivazione delle zone connesse alla preparazione e alla pianificazione dei movimenti per evitare il dolore, mentre negli uomini è stata notata principalmente un'attivazione delle aree della paura.
Al momento della percezione vera e propria del dolore, invece, mentre nelle donne aumentava l'attività nelle aree cerebrali coinvolte nelle emozioni e nella paura che tendevano ad acuire la sensazione dolorosa in acuto, negli uomini si attivavano le zone predisposte all'evitare il dolore, con il risultato che riuscivano a tollerarlo meglio. Sarebbero queste differenze, spiegano i ricercatori, a provocare una maggiore resistenza degli uomini al  dolore. "Il fatto che le donne mostrano una maggiore attivazione delle aree cerebrali deputate alla trasformazione delle emozioni - spiega Aziz - potrebbe suggerire un meccanismo per cui attribuiscono maggiore importanza emotiva agli stimoli dolorosi, e questo può influenzare il modo in cui percepiscono e rispondono al dolore rispetto agli uomini".

GIAPPONE: NOCCIOLO PARZIALMENTE FUSO

Nei reattori 1, 2 e 3 della centrale di Fukushima n.1 il nocciolo e' parzialmente scoperto e parzialmente fuso. I contenitori che racchiudono le barre di combustibile sarebbero integri, secondo fonti italiane a diretto contatto con il gestore della centrale di Fukushima 1 (Tepco) e l'Autorita' giapponese per la sicurezza nucleare e industriale.

La fusione parziale del nocciolo era avvenuta in passato nell'incidente nella centrale di Three Mile Island, classificato al livello 5 della scala Ines

POLMONI RICICLATI SALVANO MALATO 24ENNE

Erano stati scartati da altri ospedali, 'riparati' e utilizzati

Un ragazzo di 24 anni in fin di vita, e in attesa di un trapianto di polmoni, e' stato salvato al Policlinico di Milano con un intervento record: siccome non si trovavano organi in buone condizioni, i medici hanno 'riparato' polmoni che gli altri ospedali avevano scartato, rendendoli funzionanti e poi trapiantandoli. Ora il ragazzo, che era in condizioni critiche, riesce a respirare spontaneamente. E' la prima volta che questa tecnica di recupero d'organo viene effettuata in Italia.

mercoledì 16 marzo 2011

ITALIANI PANTOFOLAI IN CASA E "MANDRILLI" FUORI

Aumenta la crisi delle famiglie italiane, soprattutto sotto le lenzuola: sono sempre di più i pantofolai in casa che, come una sorta di dottor Jekyll e mister Hyde, sanno tramutarsi all'occorrenza in vispi 'mandrilli' fuori dalle mura domestiche.
E' quanto risulta all'Associazione avvocati matrimonialisti italiani (Ami), secondo la quale la famiglia tricolore, intesa come coppia di sposati o conviventi, sta attraversando un momento di crisi non soltanto per colpa delle suocere o delle infedeltà quanto per una crescente abulia sessuale.
"L'attività sessuale degli italiani non è diminuita affatto, è semmai scemata all'interno della coppia - spiega il presidente dell'Ami Gian Ettore Gassani - fino a determinare i cosiddetti 'matrimoni bianchi', cioé quelle unioni coniugali caratterizzate da mancanza, assoluta o relativa, di attività sessuale sia dall'inizio del matrimonio, sia dopo i primi 7 anni dalla sua celebrazione".
Secondo recenti studi del Censis, della Società Italiana di Andrologia e una ricerca dei sessuologi americani (con riscontri in Italia a cura del centro Studi Ami), "nel nostro Paese - ricorda - il 20% delle separazioni deriva dalla mancanza o dall'insufficienza di sesso nella vita coniugale della coppia. Nella stragrande maggioranza dei casi (circa il 70%) la colpa del mancato sesso sarebbe del maschio, sempre pronto a trovare scuse o improbabili 'mal di testa' pur di rifiutare o non promuovere rapporti sessuali con la moglie.
Anche molte coniugi infedeli però, sempre più appagate sessualmente al di fuori del matrimonio, rifiutano con alta frequenza la pratica del sesso con i mariti: vi sono casi in cui mogli apparentemente insensibili al sesso nell'ambito matrimoniale si siano dimostrate poi particolarmente attive e fantasiose fuori dalle mura domestiche".
Si tratta quindi di un fenomeno particolarmente diffuso che non riguarda affatto coppie della terza età ma soprattutto quelle dei 'freschi sposi'.

CANCRO AI POLMONI: LE UNGHIA DEI PIEDI SONO UNA SPIA


Secondo gli scienziati dell'università di San Diego, c'è un nuovo modo per tenere sotto controllo il rischio di cancro ai polmoni: guardando l'unghia dell'alluce.
La nicotina nell'unghia dell'alluce, spia per il rischio di tumore ai polmoni
Le unghie dell'alluce, sono le più lente a crescere e sono il 'barometro' dell'esposizione al fumo, secondo quanto riporta oggi l'American Journal of Epidemiology. E i livelli di nicotina nelle unghie, sono già un indicatore importante per calcorare il rischio di malattia.
E non danno indicazione solo del rischio che corrono i fumatori, ma anche chi, tra i non fumatori, è più esposto alla malattia. Lo studio, condotto su 800 persone malate e non, rivela che alcuni degli uomini con il più alto livello di nicotina nelle unghie sono non fumatori, presumibilmente esposti al fumo passivo.

ACCORDO NOVARTIS-NMS PER FARMACI ANTITUMORALI



Accordo tra il centro di ricerca oncologica milanese Nerviano Medical Sciences (Nms) con la multinazionale Novartis per portare alla commercializzazione alcune molecole sviluppate contro i tumori. Il centro di Nerviano cede a Novartis i diritti di licenza esclusiva per sviluppare una serie di composti oncologici (ovvero, possibili farmaci anti-cancro in via di sviluppo) di proprieta' di Nms.

Novartis sara' responsabile di fare ulteriori ricerche sui composti, di svilupparli e commercializzarli.

LA CHIRURGIA PER GLI OBESI DIMEZZA LA MORTALITA'

Due le tecniche usate: bendaggio gastrico e by-pass gastrico

Per i grandi obesi, ricorrere alla chirurgia bariatrica significa anche ridurre il rischio di mortalita' a lungo termine, che risulta quasi dimezzata.Lo dimostra uno studio degli specialisti dell'Universita' di Milano, Antonio Pontiroli e Alberto Morabito, che lanciano le basi per una 'Rete Lombarda' tra diabetologi e chirurghi bariatrici per sviluppare un protocollo internazionale condiviso.Questa chirurgia, infatti si sta diffondendo: nel 2008 gli interventi nel mondo sono stati 350 mila.

A ROMA UNO STUDENTE SU TRE BEVE

Quasi il 6% dei liceali fa uso di marijuana e hashish

 Roma uno studente liceale su 3 beve superalcolici una o piu' volte a settimana mentre quasi il 6% fa uso di marijuana e hashish. Sono i dati emersi dal progetto 'TutoriAmo la salute' che ha coinvolto 16 istituti superiori di Roma e 1700 studenti dai 14 ai 18 anni. Il 24,9% degli studenti intervistati ha ammesso di bere superalcolici una volta a settimana, mentre il 9,3% 2 o 3 volte. Inoltre il 3,1% fa uso di marijuana o hashsish 2 o 3 volte al giorno mentre il 2,7% 2 o 3 volte a settimana.

TUMORI: COSI' LE CELLULE MALATE EVITANO LA MORTE. VIA A NUOVE TERAPIE

Anche le cellule tumorali sfuggono alla morte nascondendo i segni dell'invecchiamento e i danni del Dna grazie al rafforzamento dell’involucro che le avvolge.
Il danno al Dna causa di solito la morte cellulare ma le cellule senescenti, in seguito alla attivazione di un oncogene, “nascondono” efficacemente questo danno attraverso una compattazione molto densa della cromatina, il “packaging” del Dna. Fino ad oggi l’attivazione di questo meccanismo di compattazione della cromatina era considerata sinonimo di cellule in senescenza, con la funzione positiva di blocco della proliferazione delle cellule tumorali. Lo studio dell’Ifom ha osservato invece che questo meccanismo si riscontra inaspettatamente anche in cellule tumorali in piena proliferazione. Una scoperta che apre a una nuova prospettiva terapeutica testata in laboratorio tramite la somministrazione di una categoria di farmaci antitumorali già in uso clinico: gli inibitori delle Hdac, fattori cellulari che modulano la struttura della cromatina, il “packaging” del genoma.
“Agire sul ‘packaging’ della cromatina - spiega lo scienziato - potrebbe pertanto costituire la chiave per combattere tumori in cui si riscontra questo meccanismo cellulare, aprendo delle promettenti prospettive terapeutiche”.

METABOLIMICA: LA NUOVA FRONTIERA PER SCREENING PIU' PRECISI CONTRO IL CANCRO GASTRICO

Un ruolo significativo nella diagnosi precoce del cancro gastrico e negli screening per metastasi e recidive potrà nel prossimo futuro essere ricoperto dai test effettuati sulla base della metabolomica, un campo di ricerca che si basa sull'analisi di composti a basso peso molecolare nei sistemi biologici e che offre un'analisi delle variazioni dei livelli dei metaboliti (i prodotti del metabolismo), e che recentemente ha dimostrato grandi potenzialità nell'identificare nuovi marcatori diagnostici e target terapeutici per diversi tumori: a sostenerlo uno studio pubblicato su World Journal of Gastroenterology da un gruppo di ricercatori.
I ricercatori hanno usato la metabolomica per studiare i cambiamenti dell'espressione dei metaboliti urinari fra tre gruppi di topi: i biomarkers rilevati in questo studio, spiegano, sono principalmente metaboliti a basso peso molecolare difficili da rilevare con i metodi tradizionali.
Sulla base di questa ricerca gli autori ritengono che le informazioni tratte dall'urina tramite la metabolomica potrebbero svolgere un ruolo importante non solo nella diagnosi precoce del cancro gastrico, ma anche negli screening per metastasi e recidive.

NUOVO LASER DOPPIO ANTI-MIELOMA: PIU' PRECISA DELLA BIOPSIA

Un nuovo strumento basato sulla microscopia a doppio laser e su immagini ad alta risoluzione sviluppato dai medici della Duke University (Usa) potrebbe aiutare nella diagnosi del melanoma, la forma  più letale di cancro alla pelle: grazie a questo strumento per la prima volta gli scienziati avranno la capacità di identificare le differenze sostanziali tra le sostanze chimiche presenti nelle cellule cancerose e la pelle sana, così da delimitare il tessuto canceroso.
I due laser, infondono una piccola quantità di energia su un neo sospetto e gli scenziati hanno così modo di rilevare il modo in cui l'energia si ridistribuisce sulle cellule della pelle, così da individuare pigmenti diversi. I melanomi tendono infatti ad avere più eumelanina rispetto al tessuto sano: utilizzando la quantità di questo pigmento come criterio diagnostico il team è quindi in grado di individuare i campioni di tessuto malato.
La tecnica, spiega Warren S. Warren, direttore del Duke's Center for Molecular and Biomolecular Imaging, risulterebbe fino al 50% più accurata di una biopsia e sarebbe in grado di evitare molte diagnosi di melanoma false.

martedì 15 marzo 2011

L'ASSE TERRESTRE SI E' SPOSTATO DI 10cm



Il sisma in Giappone ha avuto anche un impatto maggiore del terremoto di Sumatra del 2004

 L'impatto del terremoto che ha colpito il Giappone stamattina avrebbe spostato l'asse di rotazione terrestre di quasi 10 centimetri. È il risultato preliminare di studi effettuati dall'Ingv, l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.
IMPATTO - L'impatto di questo evento sull'asse di rotazione, spiega l'Ingv, è stato molto maggiore anche rispetto a quello del grande terremoto di Sumatra del 2004, che fu di 7 centimetri lineari e di 2 millesimi di secondo d'arco angolari, e probabilmente secondo solo al terremoto del Cile del 1960.
CLASSIFICA PER INTENSITÀ - Il sisma dell'11 marzo 2011 si pone al quinto posto della classifica dei terremoti più forti mai registrati da quando esistono le rilevazioni sismiche accurate.
1 - La più forte di sempre avvenne il 22 maggio 1960 in Cile tra Temuco e Conception: 9,5 gradi della scala Richter, provocò 1.655 morti, 3 mila feriti, 2 milioni di senzatetto. Lo tsunami che scatenò provocò 61 morti alle Hawaii - non esistevano ancora i sistemi di allerta e nemmeno si sapeva che un maremoto poteva attraversare un intero oceano - 138 in Giappone, 32 nelle Filippine
2 - la seconda scossa più forte fu registrata il 28 marzo 1964 in Alaska, l'epicentro del terremoto di 9,2 gradi fu nel Prince William Sound, non lontano da Anchorage: i morti furono 113 per lo tsunami e 15 per le scosse. Nella vicina isola Montague la terra si alzò di 13-15 metri. Nel golfo di Valdez l'onda di maremoto arrivò a un'altezza di 67 metri, 15 morti si registrarono sulle coste di California e Oregon, persino a Cuba e Portorico si verificarono piccole onde anomale
3 - 9,1: è la magnitudo del terremoto che tutti ricordano molto bene. Il giorno di Santo Stefano, il 26 gennaio 2004 due minuti prima delle 8 del mattino (ora locale) la zolla asiatica si spostò sopra quella indo-australiana in subduzione sotto Sumatra. La punta nord-ovest dell'isola venne devastata, lo tsunami successivo arrivò sino in Thailandia a est e spazzò le coste di Sri Lanka, India e fino in Somalia a ovest. In tutto i morti furono 230 mila, ma alcune stime parlano di 300 mila vittime
4 - 4 novembre 1952: costa sud-orientale della Kamtchaka, isola russa (allora sovietica). Si scatena un terremoto di 9 gradi Richter, non si ha notizia di vittime. Alle Hawaii arrivò uno tsunami di 3 metri

SONO FUMATORE: DEVO FARE UNA TAC SPIRALE OGNI ANNO?

Una Tac (o Tc) spirale l'anno per 3 anni e la mortalità per tumore del polmone nei forti fumatori sopra i 55 anni può calare di oltre il 20 per cento. Ha fatto rumore, a fine ottobre, la comunicazione dei risultati preliminari del National Lung Screening Trial (Nlst) su 53 mila americani, interrotto prima del tempo per aver già dimostrato il vantaggio della nuova tecnologia rispetto a una radiografia del torace eseguita con la stessa periodicità. La notizia in Italia è stata amplificata dai risultati dello studio «Cosmos» all'Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) di Milano: sulla base dei dati enersi Umberto Veronesi stima che con questa procedura la mortalità si possa addirittura dimezzare. La questione è tornata alla ribalta di recente per un meeting internazionale che ha radunato a Pisa i maggiori esperti al mondo sull'argomento. Tra questi c'era anche Christine Berg, responsabile dello studio americano, che ha rimandato per i dettagli alla prossima pubblicazione della ricerca. Solo allora si potranno davvero capire tutti i pro e contro di questo esame come strumento di screening, cioè per individuare il cancro al polmone in fase precoce in persone che ancora non hanno sintomi, mentre, per chi ha già disturbi sospetti, la sua utilità è fuori discussione. Per chi sta bene, sui due piatti della bilancia vanno messi da un lato costi e rischi e dall’altro i benefici. «I vantaggi sulla sopravvivenza non possono più essere negati» afferma Giulia Veronesi, a capo dell'Unità di ricerca sulla diagnosi precoce e la prevenzione del tumore polmonare dello Ieo. Diversi studi hanno però suggerito anche che la Tac spirale ripetuta scopre sì molti tumori in fase iniziale, ma non riduce la mortalità rispetto a chi si sottopone all'esame solo quando comincia ad avvertire disturbi.